Vacanze in Arabia Saudita, ovvero un business su cui puntare

04.01.2021
@piercamillo

Con questo post svelo in realtà cosa faccio per lavoro, tra le altre cose. Lavoro come advisor per lo Euro Gulf Information Centre, un centro che si occupa di creare relazioni, business e reciproca conoscenza tra Europa e Paesi del Golfo. 

https://www.egic.info/saudi-arabia-looming-tourism-boom
https://www.egic.info/saudi-arabia-looming-tourism-boom

Nella penisola arabica, la grande partita del futuro è la diversificazione economica. I Paesi della regione hanno ormai chiaro che non potranno contare a lungo sugli idrocarburi che Allah ha fornito loro in dono. C’è vita “oltre il petrolio”, o meglio c’è vita solo oltre il petrolio

Nell’articolo linkato nell’immagine e qui, in inglese, parlo di una prospettiva che sta emergendo (e che sarebbe già emersa se non fosse arrivato il Covid): l’apertura dell’Arabia Saudita al turismo non religioso.

A confronto con quel che il regno saudita può offrire ai visitatori, Dubai o Abu Dabhi sembreranno copie sbiadite. Non ce ne vogliano gli amici emiratini, che in fondo lo sanno. Quando si parla del turismo in Arabia Saudita parliamo soprattutto di Mar Rosso, di siti archeologici, di un Paese con storia e tradizioni. 

Non sarà facile, perché un turismo alcohol-free sarà un incognita non da poco e perchè la promessa di un maggior permissivismo sull’abbigliamento nelle spiagge private (non in quelle pubbliche) potrebbe non essere un incentivo sufficiente per i molti milioni di turisti che il Regno ambisce ad attirare. Il regno saudita è e resta un posto refrattario alla modernità, oltre che un Paese - concedetemi l’eufemismo - distante anni luce dal nostro modello di democrazia liberale. Eppure, personalmente credo che l’Arabia Saudita sarà una protagonista del panorama turistico post-Covid.

Siamo ai consigli per i prossimi viaggi? No, sto provando a sollecitare e solleticare l’interesse degli operatori italiani del turismo. L’Arabia Saudita è un posto dove investire, un posto che ha fame di know-how di chi il turismo lo sa fare. Come gli italiani.

Leggete intanto. Poi, se volete, contattatemi e ne parliamo volentieri in privato


E’ in corso una guerra dei mondi, scoppiata nell’arco di pochi giorni e forse ore. Non siamo preparati, né culturalmente né giuridicamente, alla velocità con cui le cose stanno accadendo. Le convinzioni vacillano, almeno le mie, perché sento che - tra libertà di espressione, tutela delle istituzioni democratiche e principio di concorrenza - la...

La decisione di Mark Zuckerberg di bloccare Donald Trump da Facebook e Instagram (preceduta nelle settimane passata dalla scelta più morbida del ceo di Twitter Jack Dorsey di oscurare alcuni tweet del presidente) è legittima e condivisibile, ma cambia a mio parere la natura stessa del social network. Da "semplice" piattaforma a editore, con tutto...

Dissociarsi dalle violenze di ieri a Capitol Hill è facile, c'è riuscito persino Matteo Salvini. Quel che invece pretendiamo dal presidente del Consiglio della Repubblica Italiana è una presa di distanza esplicita e netta da Donald Trump e dal trumpismo, quella mescola di populismo e sovranismo che per anni ha trovato terreno fertile e ammiratori...

Non si sa se ridere o piangere per questa tesi, che nell’America trumpiana sta circolando all’impazzata. Matteo Renzi e Barack Obama, con l’intercessione di alcuni agenti della CIA, avrebbero spinto Leonardo SpA a mettere a disposizione un software capace di manomettere i risultati delle elezioni presidenziali americane, trasferendo voti da Trump a...

Da king-maker alla lista petalosa di Beatrice Lorenzin. Il destino di Angelino Alfano è un monito per Matteo. Abbandonare lo status quo è difficile, ma è l’unica via per avere un futuro (vale anche per Più Europa, che oggi sembra bearsi autocompiaciuta nella sua piccola bolla).